Editor FC

Archive for June, 2013|Monthly archive page

Anteprima nazionale di Babylon

In Cinema&Tempi, Uncategorized on June 13, 2013 at 6:14 pm

Babylon3ASSOCIAZIONE CULTURALE FORMACINEMA

 “Racconteremo una società che si autodistrugge.  Babylon è l’impossibilità di incontrare le persone e non riguarda solo la Tunisia…Che significato può avere il cinema se non inventa l’ignoto?”

Ala Eddine Slim, uno dei 3 registi

BABYLON

(anteprima nazionale , Lunedì 17/6/13, Cinema Apollo, Sala Dafne)

Babylon1
Registi: Ismael, Youssef Chebbi, Ala Eddine Slim
Durata: 119 minuti, colore
Sonoro: Mono
Formato di ripresa: DVCAM

Formato: 16/9
Design, immagine, produzione del suono: Ismael, Youssef Chebbi, Ala Eddine Slim
Editing delle immagini: Ismael, Ala Eddine Slim
Montaggio del suono e il mixaggio audio: Yazid Chebbi
Calibrazione immagine: Amri Fakhreddine
Direttore di produzione: Chawki Knis
Produzione: Chawki Knis Ali Hassouna, Ala Eddine Slim
Società di produzione: Exit Productions

Paese: Tunisia
Anno di produzione: 2012
Lingue: arabo, inglese, francese, dialetti africani, e asiatici….

senza sottotitoli perché i registi hanno deliberatamente scelto di non utilizzarli per far vivere allo spettatore la stessa sensazione di straniamento che provano i migranti;  durante le riprese del documentario, i tre registi hanno diffuso in tempo reale tramite Internet video, fotografie, clip audio, testi open source invitando chiunque volesse, a riutilizzarli per creare nuove opere. Sono così previste mostre sui diversi lavori e anche un film-concerto con la musica di Zied Meddeb Hamrouni.

 Premi vinti

                                                     Grand prix  al festival internazionale di Marsiglia, 2012

Prix des universités  al festival internazionale di Lisbona, 2012

Quando, nel dicembre 2010, è scoppiata in Tunisia la Rivoluzione dei Gelsomini, la società di produzione Exit, fondata dai giovani cineasti Ismael, Youssef Chebbi e Ala Eddine Slim, venne saccheggiata dalla polizia.

I tre registi  decisero allora, insieme al produttore Chawki Knis, di raggiungere Choucha, un campo profughi a sette chilometri dal valico di frontiera di Ras Jdir e a tre chilometri dalla città di Ben Guerdanne (già teatro all’inizio del 2010 di una rivolta) per “ mettere gli occhi su un frammento della Tunisia che stava vivendo un tempo diverso”. In questo campo era infatti ospitato quasi un milione di esuli di tutte le nazionalità in fuga dalla Libia per sfuggire ai combattimenti tra i rivoluzionari e le truppe leali a Gheddafi.

Secondo la descrizione di uno dei registi, “questo film è una tragedia in cinque atti”, con una struttura suddivisa in cinque parti distinte separate da schermi neri: lo spazio prima dell’arrivo dei profughi in cui ci si sofferma sulla natura (in particolare sul deserto e sugli alberi, che osservano “come l’umanità cresce e poi distrugge se stessa”) e su come essa si trasforma in base al passaggio dei profughi; l’occupazione del campo; l’organizzazione della vita nella tendopoli; l’emergere di tensioni e rapporti di potere al suo interno; ciò che resta dopo la partenza dei profughi.

La vera protagonista è la tendopoli, un luogo effimero nato dal nulla in mezzo al nulla destinato ad essere costruito per poi essere rapidamente distrutto, caratterizzato da un movimento incessante dei rifugiati, una galleria di personaggi senza alcun protagonista, che tagliano lo schermo come in una danza. Non si tratta quindi di una o più persone che raccontano lo spazio ma di uno spazio che racconta le persone.

Babylon2

Scheda di BABYLON

Registi di BABYLON

AL CINEMA APOLLO, Sala Dafne

LUNEDI’  17 giugno         7  €

ORE 15.30     –       ORE 20.15 (dopo questa proiezione incontro-discussione con esperti)

Per i soci dell’Ass. Cult. FORMACINEMA prezzo del biglietto: 3 €